Giarre, l’emozione dello Stadio restituito alla città

Il sindaco Bonaccorsi dagli spalti: «Una ferita che si rimargina»

Giarre, l’emozione dello Stadio restituito alla città

Fonte: La Sicilia, 8/3/2016

Dopo tre lunghi anni di cantieri lo storico stadio regionale è stato finalmente restituito ai giarresi, oltre 400 spettatori domenica scorsa hanno assiepato gli spalti delle due tribune Olimpia e Etna, grazie al recente disco verde della commissione comunale di Vigilanza che ha rilasciato il certificato di agibilità, al termine di un sopralluogo tecnico svoltosi la scorsa settimana. La gara di cartello tra il Giarre e l’Igea Virtus (campionato di Eccellenza) ha richiamato decine di sportivi che hanno rivissuto le emozioni del glorioso Giarre della serie C1 allenato dagli indimenticati mister Giampiero Ventura e Walter Nicoletti, quando lo stadio si riempiva arrivando a 15mila spettatori. L’agibilità dell’impianto sportivo di via Olimpia è limitata a duemila spettatori, la tribunale centrale coperta per gravi carenze strutturali, rimane, infatti, interdetta al pubblico, rendendosi necessaria una spesa importante superiore al milione di euro.

Alla riapertura dello stadio, domenica, non ha voluto mancare il sindaco Roberto Bonaccorsi, una emozione doppia, la sua, vantando un lungo trascorso di giocatore in quello storico impianto sportivo. «Oggi lo Stadio di Giarre è tornato a riempirsi di tifosi e ad ospitare una vera partita di calcio, la nostra città compie un altro passo verso la normalità che merita. L’abbandono dello Stadio era una ferita che adesso comincia a rimarginarsi grazie al nostro costante e rigoroso lavoro di programmazione finanziaria – ha detto il sindaco durante una pausa della gara – un impegno che ci ha permesso di recuperare i fondi poi impegnati nella riqualificazione. Serviranno adesso ingenti somme per recuperare anche la tribuna centrale coperta, tuttavia con questi interventi, abbiamo comunque posto le basi per riapertura totale dell’impianto».

L’agibilità concessa dalla commissione di vigilanza è comunque subordinata all’adempimento di alcune importanti prescrizioni, si tratta di interventi che dovranno realizzarsi in 60 giorni: adeguamento degli apparecchi igienici, la tinteggiatura dei locali spogliatoi, infermeria e servizi igienici sottostanti le due tribune Olimpia e Etna; adeguamento di un bagno-doccia (tribuna Olimpia) da riservare ai portatori di handicap e infine, all’esterno dello stadio, la realizzazione ex novo di una recinzione per delimitare il parcheggio riservato agli atleti ai fini della sicurezza.

Ma. Prev.

Condividi l'articolo su o :


 

Segui Roberto Bonaccorsi su Facebook, Twitter, o YouTube:


 

Iscriviti alla Newsletter di Roberto Bonaccorsi:

Cittadini hanno già scelto di ricevere il riepilogo settimanale delle attività di Roberto Bonaccorsi ogni lunedì mattina comodamente nella propria casella mail. Rimani informato sulle attività del sindaco: iscriviti anche tu al servizio.