Biografia

Robertino

Robertino

Roberto Bonaccorsi, dottore commercialista, è nato a Riposto il 7 giugno del 1958.

Tra le strade dei comuni e di un territorio, quello jonico-etneo, che attraversava una delle sue più belle stagioni di effervescenza economica e sociale, Roberto cresce e si forma fino alla maturità scientifica, nel 1976, al liceo “Leonardo” di Giarre. Nel frattempo, un pallone da calciare in rete, con la forza di un talento importante, diventava anche il simbolo dell’indipendenza di un giovane da conquistare in giro per l’Italia e per gli spogliatoi delle grandi squadre del nord: il Torino, il Varese, il Milan, la Sampdoria di Mantovani.

Roberto difende i colori della sua Giarre

Roberto difende i colori del suo Giarre

Ma le emozioni indimenticabili sono quelle degli anni trascorsi su e giù per i campi da calcio della Sicilia: “Robertino” difende fino agli anni Ottanta i colori del «suo» Giarre, prima di tutto una questione di cuore, segnando il gol di una storica promozione, nel 1977.

L’affetto per una città da difendere ogni domenica rappresenta naturalmente, per Robertino, il terreno dove attecchisce la passione civile. Quel moto spontaneo verso la propria città alla base di ogni cambiamento sociale, il cui valore è oggi mortificato da una politica che non funziona più. Le amicizie, le conquiste della crescita, vanno di pari passo con la riflessione sulle contraddizioni della realtà di Giarre e la condivisione con la gente di difficoltà e speranza, sconfitte e vittorie. [Approfondisci Roberto, Robertino e il Giarre Calcio]

Il 1981 è l’anno della laurea in Economia e Commercio all’Università degli Studi di Catania, a soli 23 anni. Dopo la laurea, la frequentazione del 107° corso allievi ufficiali presso la scuola di fanteria di Cesano di Roma, e il servizio di prima nomina con il grado di sottotenente a Trapani.

Nel 1984 l’abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista, un anno dopo l’iscrizione all’Albo. Da qui in poi, la costante crescita professionale fa maturare una competenza che si è più volte messa al servizio della collettività, ricoprendo mansioni impegnative in diversi enti pubblici.

Lo Studio Bonaccorsi, nell’arco della sua attività ormai quasi trentennale, farà sempre base a Giarre.

Dal 1987 al ’90 è componente del consiglio di amministrazione di Finprogress s.r.l., concessionaria leasing, Tam leasing, della Banca Nazionale del Lavoro. Dal 1994 al 1997 è sindaco di Milano Sud Leasing s.p.a.

Roberto Bonaccorsi

Roberto Bonaccorsi

Per cinque anni – dal 1997 al 2002 – ha l’opportunità di tastare il polso di quello che sarebbe diventato un malato finanziario grave, il Comune di Giarre, con il ruolo di Revisore dei conti. Negli stessi anni è presidente della Commissione di studio dell’Ordine dei commercialisti di Catania per l’area non profit e componente della Commissione per la disamina delle offerte delle ditte partecipanti al pubblico incanto dell’Università degli studi di Catania. Al tribunale di Messina, fino al 2002, è consulente tecnico della Procura della Repubblica. Dal 2001 al 2004 è sindaco di Metan Gas Sicilia s.r.l., società con sede in Roma e partecipazione maggioritaria in Enel Distribuzione s.p.a.

Dal 2002 al 2010 è stato consigliere dell’Ordine dei dottori commercialisti di Catania. Fino al 2004 è stato componente del consiglio nazionale dell’Associazione dottori commercialisti. Nel 2003 è presidente del collegio sindacale di Joniambiente s.p.a., la società partecipata dai Comuni della zona etnea che si occupa della gestione dei rifiuti per l’Ato ct1, e componente del collegio dei revisori dei conti dell’Azienda soggiorno turismo Acireale.

Dal 2005 al 2007 è componente del collegio dei revisori dei conti del Comune di Ramacca. Nel 2007 è parte del consiglio di amministrazione della società Autoporto A.S.I.- Siracusa  s.p.a. Nel 2009 e fino al 2012 ha ricoperto il ruolo di esperto dell’area finanziaria del sindaco al Comune di Riposto.

Nel 2010, Roberto Bonaccorsi accetta l’incarico di «assessore-tecnico»  per il Comune di Catania con delega al Bilancio, alle Partecipate ed al Patrimonio. Dal 2012 detiene anche l’ufficio di vice sindaco.

Roberto Bonaccorsi in aula

Roberto Bonaccorsi in aula a Palazzo degli Elefanti

Si tratta di un riconoscimento importante per un giarrese la cui professionalità, distante dalle logiche partitiche ripiegate sui particolarismi, può liberamente mettersi al servizio dell’interesse generale, qualcosa di molto più alto della somma dei vari interessi di parte.

Nel 2013 decide di candidarsi a sindaco per il Comune di Giarre e di concorrere alle elezioni amministrative del mese di giugno. Guida un’ampia coalizione che vuole «difendere la città di Giarre» – così come si difende sul campo la maglia della squadra del cuore  – dal vuoto politico ed amministrativo lasciato dalle classi dirigenti cittadine degli ultimi anni.

Roberto sindaco

Roberto sindaco

Al primo turno risulta essere il candidato più votato. Viene eletto dopo aver riportato 5.981 voti al ballottaggio tenutosi il 23 e 24 giugno.

Il 27 giugno 2014, ad un anno dal suo insediamento a sindaco di Giarre, pubblica un report sintetico dell’attività svolta.

Il 22 marzo 2016, dopo una lunga crisi politica dovuti al ribaltone di alcuni consiglieri comunali eletti in maggioranza ma passati all’opposizione, rassegna le dimissioni.